Le 3 fasi di crescita del cane

Le 3 fasi di crescita del cane

Come cambia il cane durante le fasi di crescita

La velocità con il quale si sviluppano le fasi di crescita di un cane e di conseguenza le tappe principali della sua vita, varia in base alla taglia di appartenenza. Un cane di taglia mini o piccola come il chihuahua diventerà adulto prima di un cane di taglia media come il border collie o grande come il labrador o gigante come un san bernardo.

  • Taglia piccola → adulto a 9-12 mesi
  • Taglia media → adulto a 12 – 18 mesi
  • Taglia grande → adulto a 18 – 24 mesi
  • Taglia gigante → adulto a 24 – 36 mesi

Durante la sua crescita e vita persino il suo carattere si modificherà. Fin dai primi mesi capirai che tipino sarà il tuo amico a 4 zampe.

Fasi di crescita del cane

Cucciolo

Un cane alla nascita e per le prime settimane: non sente, non vede, non si regge sulle zampette però percepisce il tatto della mamma. Le condizioni di cecità e sordità sono temporanee perché nelle settimane successive ci sarà lo sviluppo completo di tutti i suoi sensi. Già al completamento del primo mese della sua vita, il cane ci sentirà, vedrà e abbozzerà qualche movimento sulle sue zampe.

Ai due mesi fino al terzo la mamma sarà al suo fianco e il cucciolo inizierà a giocare con i giocattoli adatti. Farà il piccolo esploratore dell’ambiente attorno a lui sempre con l’aiuto della mamma. Lei gli farà capire come comportarsi davanti a certe situazioni. Ad esempio non mordere e cosa è bene e cosa è male per lui. In più imparerà a riconoscere il suo padrone e legarsi a esso.

Arriva il 4° mese. I denti diventano definitivi e non più da latte e il suo carattere è in continua evoluzione. Il cane in questa fase della sua crescita è ancora incosciente sul cosa è pericoloso o meno per lui e toccherà a te tenerlo d’occhio e in qualche modo educarlo e farglielo capire. Saprà ripagarti con tanto amore e momenti indimenticabili.

In compenso nei mesi avvenire giocherà di più con i suoi fratelli e sorelle e con te. Già in questa fase di gioco potrai capire se sarà un cane caparbio che vorrà in qualche modo avere l’ultimo abbaio, oppure sarà uno che non cercherà il conflitto e se ne starà spaparanzato da una parte in pieno relax lasciando che siano gli altri a occuparsi di tutti gli extra.

Il cane con l’avanzare dei mesi capirà il suo ruolo nella casa dove si trova e in relazione con i cani che lo circondano (se ve ne sono). Inoltre prima dell’anno lo si può iniziare a educare sulle basi come: lo stare a cuccia, aspettare in un punto, andare da chi lo chiama, come ci si comporta davanti ad altre persone, cani e animali. In caso di aiuto o di consigli per educarlo al meglio basterà frequentare dei corsi appositi o contattare un educatore cinofilo. Alcune persone iniziano a portare il proprio cane in giro in macchina per abituarlo anche a questo.

Adulto

Fino ai due anni il suo compito è quello di esplorare e imparare il più possibile per capire come vanno le cose attorno a lui. Mostrerà il carattere e i tratti distintivi tipici della sua razza. A questa età inoltre il cane di solito viene ritenuto adulto per quasi tutte le taglie. Ha ben chiaro chi è il leader da seguire ma non disdegnerà conoscere altre persone come i tuoi amici o uscire e stare a contatto anche con altri componenti della famiglia. Alcuni preferiscono persino fare amicizia con altri cani.

Alla soglia dei tre anni saprà come affrontare ogni situazione e sarà meno scatenato rispetto a quando era cucciolo. Questa fase di solito dura fino ai 9-10 anni quando entrerà nell’età della pensione.

Anziano

Un cane di solito vive per 15 anni quando è trattato con rispetto e senza particolari stress. Ci si accorge che sta entrando nell’età della pensione, attorno ai 9-10 anni, quando diventa più posato, faticherà con le lunghe passeggiate e preferirà percorsi più brevi. In compenso aumenta la durata dei pisolini sulla propria cuccia e non gli piacerà più frequentare posti troppo affollati o stare a contatto con bambini troppo vivaci.

In alcuni casi possono sorgere patologie legate all’età come: diventare sordo, sviluppare patologie a carico delle articolazioni, diabete, ipertensione. Vorrà starsene per conto suo per quanto sarà sempre felice di saperti e averti al suo fianco perché ormai il vostro è un rapporto solido e collaudato. Per questo devi assecondarlo e non forzarlo quando non ha voglia di fare quel qualcosa che gli stai proponendo.

Alimentazione durante le fasi di crescita

Latte&pappa

Come ogni essere vivente anche il cane nelle sue varie fasi di crescita ha bisogno del nutrimento adeguato. Il cibo che mangerà da piccolo sarà il latte fino a quando non inizierà la fase dello svezzamento intorno ai 30-40 giorni di vita.

Qui alternerà per qualche settimana il latte della mamma con il cibo solido adatto per l’età. Può essere sia il cibo della mamma che uno specifico per lui. Le crocchette all’inizio si possono ammorbidire con un po’ di acqua calda. Volendo puoi provare anche con una piccola porzione di cibo morbido fatto a pezzi piccoli. Man mano che crescerà sarà lui a tagliarselo come preferisce con i suoi denti.

Umano mi brontola lo stomaco

Il cibo giusto per il tuo cane lo scegli in base al fatto che di fronte hai un animale adulto o anziano sano senza intolleranze, sedentario o che fa più passeggiate o corse al giorno per recuperare il suo giocattolo preferito. Questo perché l’apporto calorico e il bisogno di energie è differente per tutti i casi.

Per fugare ogni dubbio puoi chiedere aiuto al veterinario. In caso non ci fossero particolari problemi, prendi il cibo adatto alla sua taglia. Magari diversificando i sapori in modo da dargli una dieta variegata. Intanto sarà il primo a farti capire qual è il suo cibo preferito. L’importante è non eccedere con le porzioni facendolo diventare un cane cicciotto in sovrappeso.

Ogni fase di crescita del cane ha qualcosa di speciale che ti porterai dentro per sempre. Ti va di raccontarcela?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *